Analisi del break-even

L’analisi del break even
Rappresentazione grafica delle leggi di comportamento dell’impresa in ∆t, in cui q sono le unità di mix.

È possibile dunque determinare quel particolare numero di unità di mix in relazione al quale si ha l’uguaglianza tra ricavi e costi totali e quindi profitto nullo. Possiamo dunque ricavare la quantità di equilibrio dalla precedente equazione del profitto:

q* ∙ (p- cu) = CS → P = 0 𝑞 ∗ = 𝐶𝑆 𝑝 − 𝑐𝑢

La quantità d’equilibrio è correlata positivamente con i costi di struttura e negativamente il margine di contribuzione. È necessario utilizzare tale grandezza quale indicatore della validità della struttura d’impresa, anche attraverso opportuni raffronti nel tempo e nello spazio e degli effetti sulla economicità della gestione di possibili interventi di adeguamento strutturale. Possiamo poi osservare ulteriormente il ruolo del margine di contribuzione, considerando che:

𝑃(𝑞) = (𝑝 − 𝑐𝑢) ∙ 𝑞 − 𝐶𝑆

E poiché: 𝐶𝑆 = 𝑞 ∗ ∙ (𝑝 − 𝑐𝑢)

Si ha: 𝑃(𝑞) = (𝑝 − 𝑐𝑢) ∙ 𝑞 − 𝑞 ∗ ∙ (𝑝 − 𝑐𝑢)

E quindi: 𝑃(𝑞) = (𝑝 − 𝑐𝑢) ∙ (𝑞 − 𝑞 ∗)

Tale espressione chiarisce che il profitto è la risultante del prodotto tra il margine di contribuzione (p – cu) e la differenza tra produzione (espressa in unità di mix) prevista e di equilibrio.

Emerge dunque l’importanza del ruolo del margine di contribuzione: il suo ruolo è duplice: concorre direttamente alla formazione del profitto e vi concorre anche attraverso la determinazione di q*. Anziché far ricorso all’unità di mix è possibile esprimere le leggi di comportamento dell’impresa in funzione del volume dei ricavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *