Menu

Le difficoltà dello studio

15 marzo 2018 - attualità, maturità
Le difficoltà dello studio

Nessuno di noi nasce imparato: tutti, se devono affrontare per la prima volta una situazione o una prova, si trovano in difficoltà: solo con l’esperienza e la preparazione tale difficoltà può essere superata.

Ciò è vero nella vita quotidiana, ma anche nello studio: molti studenti hanno difficoltà a concentrarsi durante lo studio, oppure, anche se la concentrazione non manca loro, non riescono comunque a memorizzare i concetti che leggono.

Su questo fatto fanno gioco forza molti “metodi” che si stanno diffondendo in questo periodo, metodi che promettono risultati ottimi in pochissimo tempo; corsi che purtroppo hanno un costo elevato a cui non tutti sono in grado di far fronte.

Ma nonostante ciò non bisogna gettare la spugna: anche da solo, ognuno di noi, ha la forza e la capacità per poter migliorare memoria e concentrazione: per quanto riguarda la memoria, essa è una capacità come tante altre, che ha bisogno di essere esercitata; per migliorarla i consigli che posso darvi sono:

1) leggete sempre ad alta voce ciò che dovete studiare: leggendo ad alta voce, oltre a leggere, ascolterete allo stesso tempo anche la vostra voce che ripete: otterrete una sorta di “lettura-ascolto” che farà in modo che i concetti si fissino meglio nella vostra testa;

2) abbiate pazienza: è normale che dopo una sola lettura non sappiate a perfezione l’argomento; sforzatevi comunque, già dopo la prima lettura, di ripetere ciò che ricordate, sempre ad alta voce; dopo aver ripetuto controllate sul libro o sugli appunti quello che avete dimenticato e fissate i concetti dimenticati nella testa ripetendo prima solo questi e poi tutto da capo inserendo anche le cose già ripetute prima; inizialmente per studiare dieci pagine avrete bisogno di un’ora o di più, ma con l’abitudine vi sarà necessario sempre meno tempo: l’importante è l’esercizio.

3) altro aspetto importante invece per la concentrazione è la forza di volontà: oggi i ragazzi hanno molte più distrazioni rispetto al passato: basta un telefono e una connessione wireless per parlare contemporaneamente con più persone, guardare video divertenti e via dicendo. Quindi se il vostro principale problema di concentrazione è proprio il telefono, chiudetelo in un cassetto, lasciatelo in un’altra stanza oppure spegnetelo; non studiate sul letto o sul divano; non tenete accesa la televisione o la musica: volere è potere! Basta essere consapevoli che è necessario dedicare una parte del vostro tempo allo studio ed una allo svago: una volta che avrete finito sarete liberi di fare ciò che più vi piace!

4) se dovete studiare più materie, cercate di alternarle: per un’ora studiatene una, alla scadenza dell’ora cambiate materia e alla fine della successiva ora riprendete la materia precedente. Così migliorerete la concentrazione ed eviterete di annoiarvi;

5) importante è infine la preparazione: cercate di non ridurvi mai a ridosso dell’esame o dell’interrogazione per studiare: meglio rinunciare ad un’ora ogni pomeriggio, piuttosto che non vivere i giorni prima del fatidico giorno; senza contare che studiare mille pagine in due settimane non produce sicuramente una preparazione eccellente.

Ripeto: volere è potere! Nulla è impossibile, con la costanza riuscirete ad ottenere qualsiasi risultato e preparare qualsiasi esame!

Un pensiero su “Le difficoltà dello studio

Antonio Domenico Caliò

Niente di più vero!
Ripassate sempre a distanza di un po’ di tempo (a intervalli crescenti 15, 30, 60 giorni) gli argomenti studiati precedentemente per non dimenticarli.
Inoltre, a volte, fare delle considerazioni con amici e professori può essere un buon metodo per tenere ben saldi concetti appresi e… Può sembrare strano, ma vi auguro di sbagliare!
La vostra mente ricorderà la sensazione di vergogna e sarà per voi istintivo ricordare l’argomento per non fare altre brutte figure. 😉

Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *