Menu

l’opposizione al fascismo

24 febbraio 2018 - maturità, storia

Opposizione silenziosa al fascismo:
Il principale esponente era Benedetto Croce a cui facevano capo i liberali; opposizione aperta esilio e  agitazioni clandestine organizzate soprattutto dai comunisti.
Antifascismo all’estero ( Francia): due partiti socialisti repubblicano e Confederazione del Lavoro confluiscono, nel 1927, nella concentrazione antifascista, che aveva gli stessi limiti dell’Aventino: voleva solo sollevare una questione morale che però rimane inascoltata;

ricostituzione dei due partiti socialisti ( divisi nel 1922).

Giustizia e libertà, nel 1929, criticava l’atteggiamento attesista della concentrazione antifascista.
PCI con Togliatti : isolato fino al 1934 in quanto dipendente da Mosca.
1934 PCI patto di unità d’azione con PSI.
Organizzano la resistenza armata, anche se solo alla fine della guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *