Menu

Evasori sui mezzi pubblici

4 giugno 2018 - attualità
Evasori sui mezzi pubblici

Va bene che i servizi che l’azienda atac rende agli italiani per la mobilità sono decisamente carenti, ma ciò non giustifica aggressioni ad autisti e controllori o anche solo l’omissione dell’ obliterazione dei biglietti.

La maggior parte dei pendolari, infatti, o non si preoccupa per niente di comprare un biglietto o un abbonamento, pensando che “tanto i controllori non passano mai” oppure ne compra uno e non lo timbra a meno che non si accorga della presenza dei controllori alla prossima fermata.

C’è poi chi controlla costantemente la presenza di eventuali controllori e, nel caso ci siano, velocemente si accinge a scendere dal mezzo pubblico, se sprovvisto di biglietto.

Come ho già detto, un comportamento del genere non è giustificabile dal servizio carente che l’atac rende; è una questione di rispetto, sia per chi lavora nel settore onestamente, sia per quei pendolari che invece non hanno mai mancato di timbrare biglietti o abbonamenti.

Fortunatamente di recente i controlli sembrano essere aumentati, ma i “furbetti” sono decisamente ancora troppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *